Stenosi dell’Arteria Succlavia e Vertebrale

In presenza di stenosi emodinamica dell'arteria succlavia la velocità di flusso aumenta e, contemporaneamente, si modifica la forma d'onda che, normalmente trifasica, si trasforma in monofasica.

Una stenosi emodinamica della succlavia pre-vertebrale causa anche caratteristiche modifiche della forma d'onda dell'arteria vertebrale omolaterale. Una stenosi della succlavia lieve-moderata comporta, infatti, la comparsa di un’incisura sistolica nell’onda vertebrale, mentre, con il progredire della stenosi, l’onda vertebrale diviene bidirezionale, e infine, in caso di caso di stenosi molto significativa o di occlusione della succlavia, la forma d'onda vertebrale diventa completamente retrograda.

La stenosi emodinamica della vertebrale è caratterizzata da una velocità focale maggiore di 100 cm / s. con comparsa di flusso demodulato nel segmento più distale.

In caso di occlusione dell’arteria vertebrale prossimale è possibile la ricanalizzazione distale per attivazione di circoli collaterali: in questo caso è presente, nella vertebrale distale, una curva d’onda con aspetto “tardus parvus”.

In questa lezione vengono presentati i parametri eco Doppler della stenosi delle arterie succlavie e vertebrali.

Privacy Policy